https://www.letteradonna.it

Chi è Daniela Ducato,

l'imprenditrice più

influente d'Italia

Vive nella provincia più povera del Paese. Ma grazie ai suoi biomateriali  ricavati dagli «scarti preziosi» ha saputo conciliare etica e profitto. Inanellando un riconoscimento dopo l'altro. 13 dicembre 2018

La  

natura  

è  

la  

sua  

ispirazione:  

si  

guarda  

attorno,  

scruta,  

'ascolta'  

il  

respiro  

delle  

cavallette,  

si

interroga    

sui    

cicli    

di    

vita    

e    

morte.    

E    

da    

qui    

inventa.    

Daniela    

Ducato    

non    

è    

solo

un'imprenditrice:  

fare  

impresa  

per  

lei  

significa  

innovare,  

trovare  

il  

giusto  

equilibrio  

tra  

etica  

e

profitto,  

cercare  

nel  

mondo  

che  

la  

circonda  

gli  

spunti  

per  

nuovi  

prodotti,  

nuove  

tecniche  

di

produzione  

rigorosamente  

'light':  

i  

suoi  

biomateriali  

ricavati  

dagli  

«scarti  

preziosi»,  

non  

hanno

eguali.

UNA LUNGA SCIA DI RICONOSCIMENTI

Cagliaritana,  

62  

anni,  

sposata  

e  

con  

due  

figli,  

vive  

a  

Guspini,  

nella  

provincia  

più  

povera  

d'Italia,

il  

Medio  

Campidano.  

Alle  

spalle  

una  

scia  

di  

successi  

che  

le  

sono  

valsi  

premi  

e  

riconoscimenti

prestigiosi,  

a  

partire  

dal  

titolo  

di  

Cavaliera  

della  

Repubblica  

che  

le  

è  

stato  

conferito  

dal  

capo

dello   

Stato   

Sergio   

Mattarella   

con   

la   

motivazione   

"campionessa   

mondiale   

di   

innovazione,

orgoglio  

della  

nostra  

Italia  

migliore".  

Il  

suo  

palmarès  

si  

è  

ora  

arricchito.  

Daniela  

Ducato  

è  

da

oggi l'imprenditrice italiana più innovativa e influente nel settore industria.

PRIMA EDIZIONE ITALIANA DEL PREMIO

A  

Roma  

al  

Palazzo  

delle  

Esposizioni  

ha  

ricevuto  

il  

Miiw,  

Most  

influent  

innovative  

woman  

2018.

Un  

prestigioso  

riconoscimento  

per  

la  

produttrice  

di  

biomateriali  

che  

va  

ad  

aggiungersi  

ai

numerosi  

premi  

ottenuti  

in  

campo  

internazionale.  

La  

classifica  

è  

stata  

stilata  

da  

Fortune,

storico  

magazine  

americano  

del  

business  

fondato  

dal  

Time,  

con  

la  

direzione  

Pari  

opportunità

della   

presidenza   

del   

Consiglio   

dei   

ministri   

e   

un   

board   

di   

valutazione   

formato   

dai   

leader

dell'economia  

mondiale  

tra  

cui  

Microsoft  

e  

Hitachi.  

Questa  

prima  

edizione  

italiana  

del  

premio

prende   

ispirazione   

dalla   

classifica   

internazionale   

sulle   

donne   

più   

potenti   

e   

influenti   

del

mondo con lo scopo di esaltarne il ruolo soprattutto nei settori a prevalenza maschile.

TRA LE 10 MIGLIORI BIOTECNOLOGIE DEL PIANETA

Tra  

le  

motivazioni  

del  

premio  

all'innovatrice  

sarda,  

il  

ruolo  

di  

orientare  

nuove  

visioni  

e  

di

creare  

reti  

collaborative  

capaci  

di  

trasformare  

valori  

sociali  

e  

ambientali  

in  

valori  

economici

con  

industria  

green  

da  

record.  

Daniela  

Ducato  

è  

infatti  

la  

cofondatrice  

di  

Edizero  

architecture

for  

peace,  

la  

filiera  

industriale  

considerata  

tra  

le  

migliori  

10  

biotecnologie  

del  

pianeta  

con  

i

prodotti   

più   

premiati   

al   

mondo,   

per   

il   

rispetto   

dell'ambiente,   

nel   

settore   

costruzioni.

«L'imprenditrice   

più   

innovativa   

d'Italia   

vive   

e   

lavora   

nella   

provincia   

più   

povera   

d'Italia,   

il

Medio  

Campidano»,  

è  

stato  

ricordato  

durante  

la  

cerimonia  

di  

premiazione  

condotta  

dalla

giornalista   

Rai   

Alma   

Grandin.   

«La   

povertà   

economica   

dipende   

da   

una   

politica   

povera   

di

ascolto,    

causa    

di    

assistenzialismo,    

di    

spreco    

di    

denaro    

pubblico,    

di    

svalutazione

dell'esistente»,ha   

spiegato   

Daniela   

Ducato   

nel   

ricevere   

il   

premio,   

«Innovare   

è   

l'esatto

contrario:  

necessita  

di  

ascolto  

strategico  

del  

territorio,  

non  

spreca  

ma  

cerca  

e  

sa  

riconoscere

talenti  

e  

risorse,  

anche  

marginali,  

per  

dargli  

valore.  

Innovare  

è  

una  

scelta  

obbligata  

di  

salvezza

e  

di  

sopravvivenza,  

per  

generare  

lavoro  

vero  

non  

assistito,  

per  

non  

rinunciare  

ai  

propri  

doni,

per  

far  

prevalere  

alla  

rassegnazione  

la  

gratitudine.  

Il  

mio  

pensiero  

al  

femminile  

di  

gratitudine

è  

per  

la  

mia  

illuminante  

e  

poetica  

professoressa  

di  

Scienze  

Giuseppina  

Primavera,  

che  

ci  

la

lasciato  

da  

poco,  

e  

per  

Alessia  

Olympia  

e  

Sara,  

le  

mie  

nipoti  

più  

piccole.  

Ogni  

giorno  

cerco  

di

guardare il mondo con i loro occhi».